sabato 13 dicembre 2014

GdL Murder at Mansfield Park di Lynn Shepherd | Prima Tappa

Carissimi Lettori e Amici di Old Friends & New Fancies,

Diamo il via alla Prima Tappa del sesto Gruppo di Lettura nell'ambito del Mansfield Park Bicentenary che sta per volgere al termine.
Come già sapete, nelle prossime tre settimane leggeremo

Murder at Mansfield Park di Lynn Shepherd

Noi Lizzies siamo ansiose di vedere cosa succederà in questa variation a sfondo giallo. Se lo siete anche voi, correte a stampare il Segnalibro realizzato da LizzyGee e seguite con noi le tappe di questo Gruppo di Lettura!

SCHEDA LIBRO
Autore: Lynn Shepherd
Titolo: Murder At Mansfiels Park
Casa Editrice: St. Martin's Griffin, Allen & Unwin
Pagine: 384 circa
Data pubbicazione: aprile-luglio 2010
Sinossi: 
"Nessuno, credo, è mai riuscito ad amare l'eroina di Mansfield Park" (Lionel Trilling)
In questa ingegnosa variazione di Mansfield Park, la notoriamente docile Fanny Price – che la stessa madre di Jane Austen definì "insipida" – viene completamente trasformata. È diventata una ricca ereditiera, viziata, altezzosa e generalmente odiata in tutta la contea. Mary Crawford, d'altro canto, è buona quanto Fanny è cattiva, e soffre grandi ingiustizie per mano della sua vendicativa vicina di casa. È solo dopo che Fanny viene assassinata nei giardini di Mansfield Park che Mary ritorna a essere se stessa e si allea con un investigatore proveniente da Londra per risolvere il crimine.
Con i personaggi originali di Jane Austen – gli stessi personaggi e gli stessi episodi, presentati ciascuno con una nuova svolta – Murder at Mansfield Park è un romanzo divertente e brillante che offrirà ai fan di Jane Austen una nuova affascinante eroina e una storia da leggere e rileggere

Compralo su Amazon: ☞ kindle ☞ paperback 



CALENDARIO
 13/19 dicembre 2014 – Chapters I-VII
20/26 dicembre 2014 – Chapters VIII-XIV
27 dicembre 2014/2 gennaio 2015 – Chapters XV-XXIII


Siete tutti pronti?
BUONA LETTURA!!!

 Link Utili
☞ Mansfield Park Bicentenary

5 commenti:

Gabriella Parisi ha detto...

Letti i primi due capitoli. Non so se mi piace questo ribaltamento dei ruoli di Murder at Mansfield Park rispetto a Mansfield Park di Jane Austen; il romanzo sembra avere solo i nomi del romanzo originale, per il resto sembra essere una storia a parte più che una variation.
Edmund e Fanny sembrano essere Darcy e Anne de Bourgh; del resto Mrs. Norris è molto più vicina a Lady Catherine rispetto al personaggio di Mansfield Park.
Da donna dei nostri giorni, pare che anche l'autrice aborrisca una relazione tra cugini di primo grado, dunque ha subito spostato Edmund nella famiglia Norris, come figlio di primo letto di Mr. Norris, e non della signora Norris nata Ward. Però, anche se Fanny sembra considerare Edmund come sua proprietà, lui non mi sembra affatto d'accordo, anzi, dubiro che provi l'affetto che Edmund Bertram provava per la cuginetta Fanny Price nell'originale.
Finora la cosa che ho apprezzato di più è stata lo stile, molto Austen-style.

Gabriella Parisi ha detto...

Ho quasi finito la tappa e ancora non ho capito se questo libro mi piace o meno. Forse dipende dal fatto che faccio fatica a concentrarmi con tutto il ribaltamento dei personaggi che ha attuato la Shepherd: Julia che è Fanny, Edmund che si chiama Mr. Norris (e ogni volta che leggo il suo nome devo fare mente locale per ricordarmi chi sia!), Fanny che è Maria, Maria che è Julia, Mr. Rushworth che è Henry Crawford....

silvietta ha detto...

anche io sto facendo fatica ad abituarmi a queste inversioni di ruoli, sono ancora parecchio confusa ! per me è ancora presto per dire se è credibile.. vedremo più avanti...

Gwen1984 ha detto...

Care,
come voi ho fatto fatica - soprattutto nella prime pagine - ad abituarmi all'inversione dei ruoli. Ora sto procedendo con lentezza nella lettura, ma mi sembra di essere entrata nello spirito della storia...
Di sicuro l'autrice sa padroneggiare sia lo stile sia i contenuti del romanzo di Jane Austen, pur adattandoli al proprio intento.
Mi piacciono molto i personaggi di Mary ed Henry Crawford (il mio villain austeniano del cuore) e di Julia Bertram. Edmund, invece, lo trovo insipido, forse le cose cambieranno dopo la prima tappa, di certo essere il figlio di Mrs Norris non lo aiuta :-D (Ho sorriso anche per la trovata di Henry di segnarsi tutti i luoghi comuni pronunciati da Edmund).
Sono abbastanza curiosa di scoprire il lato giallo della vicenda, anche perché questa versione altezzosa di Fanny è davvero destestabile ;-)

Elisabetta ha detto...

intanto mi scuso per il ritardo con cui ho iniziato a leggere il romanzo (ma presto vi raggiungerò per l'ultima tappa), ed ora commento senza indugio questa prima tappa.
L'atmosfera mi è piaciuta fin dall'inizio: gli ambienti e la loro delineazione vengono ricostruiti molto bene seguendo uno stile similare a quello di Jane Asuten...
Devo dire che però o avuto una notevole confusione quando ho letto dei personaggi. La storia mi sembra un insieme tra orgoglio e pregiudizio e Mansfield Park... i nomi dei personaggi sono quelli di MP (a parte Edmund che diventa Mr Norris), ma i caratteri ricordano molto quelli di O&P.
Devo dire che Fanny non è mai stata il mio personaggio austeniano preferito (troppo passivo) ma vederla stravolta in questo modo mi ha lasciato molto perplessa.. mi ricorda più una Caroline Bongley che non un qualsiasi personaggio di MP, così perfida poi...
Quindi a questo punto Julia diventa la "Fanny" del romanzo e Mary? il suo carattere viene, dal mio punto di vista molto stravolto. perde molto della sua frivolezza, anche se non sapremo mai cosa ne pensa della carriera ecclesiastica (almeno arrivata a questo punto) visto che Mr Norris non intraprenderà questa carriera...

Posta un commento

Segui le Conversazioni!