martedì 14 giugno 2016

The Suspicion at Sanditon (Or, The Disappearance of Lady Denham) di Carrie Bebris | Recensione

Carissimi Lettori e Amici di Old Friends & New Fancies,

Oggi ci dedichiamo al settimo caso "giallo" che vede Mr. e Mrs. Darcy investigatori, i due personaggi creati da Jane Austen ma sviluppati in questo loro talento dall'abile penna di Carrie Bebris.
Il libro prende il via dal romanzo incompiuto di Jane Austen, Sanditon, l'ultima opera su cui la cara zia Jane ha messo le sue amorevoli mani, e si intitola

THE SUSPICION at SANDITON
or The Disappearance of Lady Denham


La casa editrice TEA non sembra intenzionata a tradurre questo nuovo lavoro di Carrie Bebris, così abbiamo pensato di leggere per voi questo settimo caso e di recensirlo. 

Ancor più perché nel prossimo futuro uscirà la trasposizione cinematografica di Sanditon, con Charlotte Rampling nei panni di Lady Denham.


SCHEDA LIBRO
Autore: Carrie Bebris
Titolo: The Suspicion at Sanditon (Or, The Disappearance of Lady Denham)
Serie: Mr. and Mrs. Darcy Mystery #7
Casa Editrice: Tor Books
Pagine: 320
Data Pubblicazione: 14 luglio 2015
Descrizione: Suspicion at Sanditon è una nuova avventura di Mr. e Mrs. Darcy investigatori, che stavolta si trovano sulle spiagge di Sanditon, la località balneare in cui si svolge il frammento dell'ultima opera di Jane Austen.
A Sanditon, assieme all'amica Charlotte Heywood, i Darcy incontrano una serie di abitanti eccentrici che comprendono: Mr. Thomas Parker, un entusiasta determinato a sviluppare il tranquillo villaggio costiero per trasformarlo in un elegante e popolare luogo di villeggiatura; Sir Edward Denham, un baronetto impoverito con più sensibilità che buonsenso; e Lady Denham, vedova due volte - ma senza figli - con una fortuna da lasciare in eredità, e una squadriglia di lontani parenti che le ronzano attorno per un lascito nel testamento. Quando Lady Denham scompare, molti presumono che uno dei suoi possibili eredi sia diventato impaziente. Ma quando pian piano cominciano a sparire anche le altre signore, sembra che qualche residente stia minacciando non soltanto la vedova, ma l'intero villaggio. C'è un rapitore seriale in agguato a Sanditon? O è opera di una forza ancora più minacciosa e sinistra? Mr. e Mrs. Darcy si impegnano con tutte le proprie forze a ritrovare le donne disperse prima che Miss Heywood - o la stessa Elizabeth - diventino il nuovo bersaglio.

Acquistalo su Amazon
 Paperback
☞ Kindle


RECENSIONE di LizzyGee
Sanditon o Il castello di Udolpho?

e  1/2

Sono sicura che Sanditon sarebbe stato uno dei miei romanzi preferiti. Il frammento di undici capitoli e mezzo mi incanta ogni volta che lo rileggo, e ogni volta sento una spada di angoscia che mi dilania il cuore quando arrivo a quelle ultime parole:

Poor Mr . Hollis! – It was impossible not to feel him hardly used; to be obliged to stand back in his own House & see the best place by the fire constantly occupied by Sir H. D.
March 18.
Per questo motivo ho deciso che, se proprio devo rileggere il frammento, dopo lo devo fare seguire per forza da uno dei "completamenti", come nel caso del bellissimo Sanditon Completed by Jane Austen and Another Lady, che tempo fa abbiamo letto nel corso di un Gruppo di Lettura.
La prima impressione che si ha a causa dell'incompiutezza del romanzo originale, è che Elizabeth e Darcy arrivino a Sanditon in modo quasi forzato: andati a trovare i cugini Fitzwilliam, nuovi vicini dei signori Heywood, vengono invitati a valutare le potenzialità del novello luogo di villeggiatura perché il Colonnello decida se investire o meno nella cittadina balneare. 
Purtroppo, l'arrivo dell'inopportuna Lady Catherine di Bourgh che va a fare visita alla figlia (e che noi, per fortuna, non vediamo), previene ai cugini la gioia di trascorrere una breve vacanza con i Darcy, che così sono costretti a recarsi a Sanditon da soli, per poi trarre delle conclusioni e riferire loro se l'investimento sia conveniente o meno.
Elizabeth avrà anche modo di fare da chaperon alla giovane Charlotte Heywood, vicina e amica di Anne, che è già a Sanditon da una settimana, ospite di Mr. Thomas Parker e famiglia.
Il romanzo inizia dunque nel pieno del frammento di Jane Austen, con alcuni personaggi che sono già stati presentati, e altri che danno un'impressione dubbia. In questo sequel anche Elizabeth assiste con Charlotte all'incontro pseudo-clandestino tra Sir Edward Denham e Miss Clara Bereton.

Nel prosieguo, la parte creata interamente dalla Bebris, ci spostiamo tutti a casa di Lady Denham, Sanditon House, per una cena in cui dovrebbero venire presentati meglio i personaggi. In realtà la cena viene posposta perché non si riesce a trovare più la padrona di casa. 
Il romanzo diventa allora una vera e propria caccia al tesoro, con alcuni elementi che fanno pensare a un ritorno della Bebris al paranormal, quell'elemento che ci aveva lasciati perplessi in Orgoglio e preveggenza e ancor di più in Sospetto e sentimento, dove ci era apparso stonato e di cattivo gusto. In realtà, la Bebris sembra qui strizzare l'occhio a Northanger Abbey, prendendosi gioco dei romanzi gotici come il Castello di Udolpho.
Non a caso, molte delle citazioni in epigrafe ai capitoli sono tratte dall'Abbazia di Northanger piuttosto che dal troppo breve frammento dell'incompiuto di cui è sequel.

In effetti, quando il gruppo comincia a frammentarsi e le altre signore cominciano a scomparire, Sanditon House, con i suoi cunicoli e passaggi segreti (oltre ai suoi fantasmi), comincia a sembrare un vero castello nella migliore tradizione del romanzo gotico. Quindi, pur muovendosi moltissimo nel corso delle ricerche della padrona di casa e delle altre donne, i vari personaggi rimangono sempre all'interno della magione di Lady Denham (a causa di un provvidenziale temporale, un altro topos da romanzo gotico), sfruttando molto poco le possibilità di vedere l'amena località balneare.

Ancora, a scapito di questo tentativo della Bebris di proseguire il lavoro di Jane Austen, c'è da dire che si viene a creare una certa confusione tra i personaggi a causa della natura incompiuta del romanzo di cui è sequel. Spesso mi sono trovata a identificare Charlotte con Elizabeth perché, se Elizabeth è la protagonista femminile dei romanzi della Bebris, Charlotte sarebbe dovuto esserlo di Sanditon, ma purtroppo la prematura scomparsa della sua creatrice l'ha privata del suo finale, che qui sembra esigere. E poi i caratteri molto simili delle due giovani tendono a farcele spesso identificare. Per fortuna c'è Darcy a mettere in chiaro chi è chi.

Purtroppo, però, si ha spesso la sensazione che i coniugi Darcy siano di troppo, e che la loro presenza a Sanditon sia giustificata da una scusa piuttosto inconsistente che altera le dinamiche già eccessivamente fragili a causa dell'impianto non del tutto sviluppato da Jane Austen.
Quale sarebbe dovuto essere il finale di Sanditon? È evidente che la Bebris abbia letto - e si sia un po' ispirata - al completamento della Dobbs/Telscombe. Un'altra fonte di ispirazione potrebbe essere stata Aunt Jane's Nieces (in cui zia Jane non c'entra nulla con Jane Austen), il romanzo che L. Frank Baum scrisse con lo pseudonimo di Edith Van Dyne, in cui si parla di eredità controverse.

Per fortuna, un pregio della Bebris è quello di saper usare molto bene un'ironia che conferisce a molti dei suoi personaggi un tocco tutto austeniano.

Tuttavia resta una forte insoddisfazione, perché si continua ad avere una sensazione di incompiutezza, con questa Sanditon in via di sviluppo di cui abbiamo solo un minimo assaggio all'inizio, e con molti dei personaggi a cui Jane Austen aveva conferito un forte potenziale che devono limitarsi a particine secondarie. Tra tutti, i tre fratelli di Thomas Parker - quattro se si considera Sidney, anche lui in sordina. Ma anche Miss Bereton sembra sviluppata pochissimo. E sì che aveva un fortissimo potenziale.

Quindi, se da un lato è un vero peccato che TEA non voglia proseguire la traduzione di questa serie, dall'altra ci possiamo consolare pensando che The Suspicion at Sanditon non è di certo tra i migliori esempi delle Indagini di Mr. e Mrs. Darcy Investigatori!

 Link utili

0 commenti:

Posta un commento

Segui le Conversazioni!