lunedì 21 luglio 2014

Longbourn di Jo Baker in ITALIANO!

Carissimi Lettori e Amici di Old Friends & New Fancies,

come vi avevamo annunciato un po' di tempo fa, la casa editrice britannica Random House e quella statunitense Alfred Knopf, hanno pubblicato, nell'arco di tutto il 2013 - che, lo ricordiamo, ha visto i festeggiamenti per il Bicentenario di Pride and Prejudice con la moltiplicazione di ogni genere di pubblicazione austeniana - il romanzo Longbourn di Jo Baker.


Nel nostro post avevamo annunciato che il libro sarebbe stato tradotto in italiano e ci siamo tutti lanciati in un toto-case editrici, scommettendo quale sarebbe stata la fortunata ad accaparrarsi i diritti di traduzione e a pubblicare questo romanzo nella sua versione italiana.

Il mistero è stato svelato oggi, 21 luglio 2014, su Twitter dalla Casa editrice Einaudi. Saranno proprio loro a tradurre il romanzo di Jo Baker, che ha riscosso numerose critiche positive perché ci fa vedere la società di Jane Austen da un punto di vista nuovo, quello dei servitori, con quello che nel precedente post abbiamo definito un mash-up tra Orgoglio e pregiudizio e Downton Abbey.




Sembra strano che una casa editrice come la Einaudi si interessi di derivati austeniani; lo è un po' meno se pensiamo che, a novembre 2012, la medesima casa editrice ha pubblicato con grande successo Ai piani bassi di Margaret Powell, considerato una delle fonti d'ispirazione della serie televisiva Downton Abbey e dedicato all'affascinante ma faticoso mondo, spesso trascurato, dei piani inferiori delle grandi dimore.
Ma vediamo la

SCHEDA LIBRO

Autore: Jo Baker
Titolo: Longbourn
Casa Editrice: Random House/Knopf
Pagine: 350 circa
Data prima pubblicazione: Gennaio 2013
Sinossi: In questa originale risposta a Orgoglio e pregiudizio visto dai piani inferiori, i servitori sono al centro del palcoscenico. Sarah, un'orfana che fa la cameriera, trascorre le sue giornate a sfregare i panni, lucidare i pavimenti, svuotare i vasi da notte della famiglia Bennet. Ai piani bassi di Longbourn, però, c'è la stessa atmosfera di romanticismo, accoramento e intrigo dei piani alti. Quando arriva un nuovo misterioso valletto, il disciplinato regno dei servitori minaccia di essere completamente - forse irrevocabilmente - capovolto.
Jo Baker osa portarci sotto i salotti del romanzo di Jane Austen; nel dominio, spesso trascurato, della severa governante e della sguattera di cucina dagli occhi splendenti; nella vita quotidiana nuda e cruda delle classi inferiori dell'Inghilterra della Reggenza durante le Guerre Napoleoniche. E, nel farlo, crea un mondo proprio, vivido, affascinante e completo.


Non si tratta di un retelling di Orgoglio e Pregiudizio vero e proprio, dunque, ma di una storia parallela, che si svolge a casa di Lizzie Bennet proprio nel periodo in cui la giovane conosce Mr. Darcy. I personaggi del capolavoro di Jane Austen sono in realtà solo contingenti, tuttavia sarà bello ritrovarli e osservarli da un punto di vista totalmente diverso. 
If Elizabeth Bennet had the washing of her own petticoats, Sarah often thought, she’d most likely be a sight more careful with them.
Se Elizabeth Bennet dovesse lavarsi da sola le proprie gonne, pensava spesso Sarah, con tutta probabilità sarebbe un bel po' più accorta.
Il libro uscirà per Einaudi a ottobre 2014 e noi attendiamo con impazienza la sua pubblicazione, sperando di poterlo recensire in anteprima per voi.


 Link Utili

12 commenti:

Dana Loo ha detto...

Questa era una notizia che attendevo con trepidazione. Sono felicissima e nn vedo l'ora di leggere questo originalissimo romanzo...

Gabriella Parisi ha detto...

Anche noi, Dana, tanto che io sono tentata di non attendere ottobre e leggerlo in inglese. Però siamo contentissime che Einaudi lo traduca, fiduciose in una traduzione di qualità! ;)

Itoe_Akimoto ha detto...

che bello! stavo quasi disperando di doverlo leggere in inglese e invece...! ottimo! e a ottobre non manca neanche troppo =)

Itoe_Akimoto ha detto...

ps: anche perchè io adoro "i piani bassi", sapere come eranole giornate lavorative i pasti gli svaghi ecc... (difatti ho amato Ai piani bassi della Powell e i miei personaggi preferiti a Downton sono Anna e Bates). Probabilmente perchè sono abituata a lavorare come un mulo e anche a quei tempi sarei stata parte della servitù!

Ci sono per caso anche altri libri che trattino tali argomenti (in italiano sarebbe bello ma alla peggio anche in inglese, va bene), che voi sappiate??? Grazie mille x tutte le info che potrete darmi <3

Pila ha detto...

Mooooolto interessante!!!! *-* Non vedo l'ora di vederlo in libreria!!!

Gabriella Parisi ha detto...

@Itoe_Akimoto: ci pensiamo un po' su e ti faremo sapere. :)

Ludo ha detto...

Ho letto questo romanzo nel 3013.

Avete fatto bene a scrivere che non si tratta esattamente di un retelling di Orgoglio e pregiudizio, ma la sinossi rimane comunque fuorviante... quasi da specchietto per le allodole.

Sarebbe quasi meglio dire che NON si tratta di una riscrittura di Orgoglio e pregiudizio visto dalla parte dei domestici... sarebbe comunque più vero di quello per cui tendono a farlo passare.

Non posso escludere che qualche lettore sarà vittima di sonore mazzate psico-letterarie.

Ludo ha detto...

O mammina, intendevo nel 2013...

Gabriella Parisi ha detto...

XD
Sì, Ludo, per me è chiaro che la protagonista sia Sarah e che il romanzo sia la sua storia, in cui immagino verranno saltuariamente menzionati personaggi principali e secondari di P&P. Inoltre il romanzo di Jane Austen non si svolge tutto a Longbourn, al contrario di questo, quindi immagino che Mr. Darcy sia quasi un miraggio.
Mi hai fatto venire la voglia di anticipare i tempi e leggerlo in inglese... :)

Ludo ha detto...

Anche la storia di Longbourn non si svolge tutta a Longbourn, in vero.

In ogni caso, spero che chi si avvicini a questo romanzo lo faccia con la consapevolezza di non trovarsi davanti a un Orgoglio e Pregiudizio visto dalla parte dei domestici. Oltre a ciò, ci si deve preparare a vedersi spiattellare su pagina scritta tutte quelle cose che la Austen dava per scontate, che noi, in fondo in fondo, sappiamo, ma a cui non sempre pensiamo quando leggiamo un romanzo come Orgoglio e pregiudizio.

Infine, la Baker (che, tra l'altro, insegna all'università di Lancaster, ragionevolmente vicino a dove abito io,) ci sferra almeno una grossa batosta di cui, personalmente, avrei fatto a meno.

Gabriella, tu che potresti, forse, dovresti leggerlo in inglese, effettivamente.

Gabriella Parisi ha detto...

Oddio, Ludo, mi stai facendo i brividi!!!
Sì, credo proprio che lo leggerò in inglese, solo che ora sono al limite con le letture. Purtroppo il GdL dell'estate, My Jane Austen Summer, procede a rilento e, di solito, non riesco a fare più di una lettura austeniana alla volta. ;)

Gabriella Parisi ha detto...

@Itoe_Akimoto mi sono ricordata che Ritorno a Riverton Manor è uno splendido romanzo di Kate Morton ambientato in parte proprio nei piani bassi di una grande dimora (più negli anni '20, però). Te lo consiglio.
Inoltre, leggendo Longbourn, non so per quale motivo, sentivo un'atmosfera molto simile a La ragazza con l'orecchino di perla di Tracy Chevalier. Griet, infatti, va a fare la cameriera in casa di Vermeer. Quindi diverso periodo storico e diversa nazione, ma sempre piani bassi sono!

Posta un commento

Segui le Conversazioni!