mercoledì 3 giugno 2015

For Darkness Shows the Stars di Diana Peterfreund | Recensione

Carissimi Lettori e Amici di Old Friends & New Fancies,

Ci dedichiamo oggi alla recensione di un romanzo per Young Adults molto interessante, che ci fa entrare in un futuro di fantascienza, con una distopia post-apocalittica. 
Il romanzo in questione è un retelling di Persuasion e si chiama For Darkness Shows The Stars di Diana Peterfreund.



SCHEDA LIBRO
Autore: Diana Peterfreund
Titolo: For Darkness Shows the Stars
Casa Editrice: Balzer & Bray/Harperteen
Pagine: 407
Data pubblicazione: 12 giugno 2012
Descrizione: Sono passate diverse generazioni da quando un esperimento genetico andato male ha provocato la Riduzione, decimando l'umanità e creando la nobiltà Luddista, che ha messo fuori legge la maggior parte delle tecnologie.
Elliot North ha sempre conosciuto il suo posto nel mondo. Quattro anni fa si è rifiutata di partire con l'innamorato di gioventù, il servitore Kai, scegliendo le proprie responsabilità verso la tenuta di famiglia piuttosto che l'amore. Da allora il mondo è cambiato. Una nuova classe sociale, i Post-Riduzionisti hanno avviato una nuova macchina del progresso e, poiché la tenuta di Elliot è alla deriva, la famiglia è costretta ad affittare i cantieri navali alla misteriosa Cloud Fleet (Flotta delle nuvole), di cui fa parte il famoso esploratore Capitano Malakai Wentforth, un quasi irriconoscibile Kai. E mentre Elliot si chiede se questa possa essere la sua seconda opportunità, Kai sembra determinato a mostrarle cosa ha perso lasciandolo andare via.
Ma Elliot scopre presto che il suo vecchio amico nasconde un segreto che potrebbe cambiare la loro società... o metterla in ginocchio. E, di nuovo, è costretta a fare una scelta: aggrapparsi a ciò che le è stato insegnato sin dalla nascita o condividere la sorte dell'unico ragazzo che abbia mai amato, anche se lo ha perso per sempre.
Ispirato a Persuasione di Jane Austen, For Darkness Shows the Stars è una storia d'amore che invita ad aprire con fiducia la mente al futuro e il cuore all'unica persona che potrebbe spezzarlo.

Compralo su Amazon:
 Paperback 
 Kindle

RECENSIONE di LizzyGee

Persuasione del futuro


For Darkness Shows the Stars è un retelling distopico di Persuasion, ambientato in un mondo dove l'uomo, a causa di esperimenti sempre più folli di ingegneria genetica malriusciti e di guerre di potere e di distruzione, è diventato solo l'ombra di se stesso. I Lost (perduti perché sembrano aver perduto ogni senso del limite a causa del delirio di onnipotenza) sono scomparsi, lasciando solo dei Reduced, persone dall'intelligenza limitata, semplici, ridotti, appunto. 
Solo due isole su tutta la Terra sono abitabili. Ma alcuni uomini, che si sono rifiutati di prestarsi agli esperimenti di genetica e alle innovazioni, i Luddisti (che traggono opportunamente il loro nome dagli operai che nel XIX secolo protestarono contro l'uso delle innovazioni tecnologiche), si sono nascosti in alcune caverne durante le Guerre di Riduzione e subito dopo hanno preso in mano il potere come nuova nobiltà, tornando a lavorare la terra attenendosi strettamente ai protocolli.
La società è tornata a essere una società feudale, in pratica, in cui i Luddisti si prendono sì cura dei Reduced a loro assegnati, considerandoli però alla stregua di servi della gleba. E guai a svolgere delle attività senza attenersi ai protocolli: i Luddisti sono convinti che i Lost siano stati puniti da Dio per la loro superbia, venendo così Ridotti.
L'atmosfera che si percepisce all'inizio del romanzo è quella di una severissima dittatura religiosa, che subito mette il lettore in uno stato di disagio.
Dopo alcune generazioni, però, alcuni dei figli dei Reduced (Children of the Reduced - CORS - o Post-Reductionist) sono tornati in possesso di tutte le facoltà intellettuali e si rifiutano di restare nelle tenute dei Luddisti praticamente come servi della gleba.
E non tutti hanno intenzione di rinunciare ciecamente al progresso tecnologico, non quando questo potrebbe migliorare le loro condizioni di vita.

For Darkness Shows the Stars racconta la storia di Elliot North, una ragazza luddista, e del suo amico e innamorato d'infanzia Kai, un Post. 
Le lettere che i due giovani si scambiano nel corso degli anni ci fanno comprendere la trama sociale e i trascorsi dei due ragazzi, facendoci conoscere la natura generosa e aperta di Elliot, una luddista anomala, non del tutto chiusa alle possibili innovazioni tecnologiche e ai rapporti interpersonali con le "classi inferiori". Nati lo stesso giorno, Elliot, Kai e Ro, una Reduced, sviluppano un legame fortissimo, che trascende ogni barriera sociale. Elliot fornisce a Kai la possibilità di ricevere un'istruzione simile alla propria, malgrado sia proibito ai Post conoscere la Storia, per evitare che desiderino ripercorrere le strade battute dai loro antenati, i Lost. 
Il flusso delle lettere tra i due ragazzi, però, si interrompe quattro anni prima, quando Kai decide di partire per unirsi ad altri Post, mentre Elliot, che ha appena perso la madre, decide di restare nella tenuta dei North. Kai non sopporta quello che lui considera un tradimento da parte della sua amica/innamorata d'infanzia, e va via molto amareggiato.
Alla morte della madre Elliot si è trovata, a soli quattordici anni, a dover gestire la tenuta di famiglia, perché il padre, il Barone North, sa pensare solo al prestigio della famiglia dedicandosi ad attività frivole, così come la figlia primogenita, Tatiana. 
Elliot, invece, è una vera baronessa, la baronessa effettiva, che non si preoccupa del prestigio dato dalle terre, ma soprattutto del benessere di chi le abita. Ecco perché, quando Kai è andato via non lo ha potuto seguire; ecco perché, sfidando la legge luddista, ha fatto degli esperimenti di ingegneria genetica per ottenere delle piante più forti per un raccolto più abbondante (tenendolo nascosto al padre, ovviamente); ecco perché, quattro anni dopo la partenza di Kai, quando la situazione della tenuta è pressoché disperata, è costretta ad affittare la casa e i cantieri del nonno, il Cancelliere Elliot Boatwright, alla misteriosa Flotta delle Nuvole, un gruppo di esploratori Post che hanno intenzione di costruire una nave innovativa per poter esplorare terre più lontane, cercando di ritrovare manufatti ancora funzionanti dei Lost.
E chissà se avrebbe affittato la tenuta dei Boatwright alla Cloud Fleet se avesse saputo che il famosissimo Capitano Mordecai Wenceforth altri non è se non proprio Kai, tornato da quelle parti con un desiderio di rivalsa nei confronti della sua vecchia fidanzatina.

Il retelling di Persuasione non sempre è fedele e puntuale, perché la Peterfreund deve fare adattare i personaggi a una situazione post-apocalittica ben diversa dall'Inghilterra di Jane Austen. I sentimenti suscitati nel lettore sono differenti, sia per le età diverse delle due protagoniste (Elliot North - per quanto sia molto matura per la sua età - ha solo diciotto anni e il distacco da Kai è avvenuto quando ne aveva appena quattrordici) sia per l'ambientazione che, come in tutti i romanzi di fantascienza, crea una sensazione di disagio, di alienazione nel lettore.
Tuttavia si percepisce in entrambi l'apertura della società verso una nuova classe sociale che si basa sui meriti e non sulla nascita.
Ed è piacevole, nel corso della lettura, cercare di riconoscere i personaggi secondari di Persuasione in questo romanzo, perché, a parte quelli più ovvi - Elliot, Kai, il Barone North, Tatiana e Benedict North (Mr. Elliot) - gli altri non sono tanto facili da individuare. 
Al contrario, il finale è telefonato, vista la struttura del libro, che inframezza alla narrazione corrente le lettere che Elliot e Kai si sono scambiati nel corso degli anni - non necessariamente in ordine cronologico - e il suo legame con Persuasione.
Un romanzo che ci fa riflettere sui vantaggi della tecnologia e degli esperimenti genetici, ma anche sui rischi in cui si potrebbe incorrere con un uso indiscriminato delle nuove scoperte; un distopico che sprona a un'apertura oculata e sensibile verso le nuove scoperte scientifiche e tecnologiche.

Un libro molto apprezzabile, che sarebbe davvero meraviglioso vedere tradotto in italiano sia per gli estimatori di Jane Austen che per coloro che amano il genere post-apocalittico, dal momento che questa è una distopia davvero molto originale e piena di spunti di riflessione.

 L'Autrice

Diana Peterfreund ha pubblicato dieci romanzi per adulti, adolescenti e ragazzi, tra cui i quattro libri delle Secret Society Girl, i romanzi  degli "unicorni assassini", Rampant e Ascendant, For Darkness Shows the Stars, un retelling post-apocalittico di Persuasione di Jane Austen e Across a Star-Swept Sea, ambientato nello stesso mondo distopico di For Darkness Shows the Stars e ispirato alla Primula rossa della Baronessa Emma Orczy. Il suo ultimo romanzo, Omega City, è un'avventura contemporary per giovani lettori, ambientata in una città-bunker segreta, da qualche parte nel sottosuolo del Maryland.
I suoi libri sono stati menzionati nella New York Public Library’s Books  nella Teen Age list, la Capitol Choices reading list, e nella Texas Lonestar List, e anche nell'elenco di Amazon dei migliori libri dell'anno. L'autrice ha inoltre scritto diversi racconti acclamati dai critici e degli articoli sulla letteratura di successo per ragazzi. Vive nei dintorni di Washington D.C. con la sua famiglia.
 Sito Autrice 

2 commenti:

Sophia Rose ha detto...

I was very curious about how the author would put the dystopian with Persuasion, but it really was a good book.

Nice review, Lizzy Gee!

Gabriella Parisi ha detto...

Too true! I loved it, too! :)

Posta un commento

Segui le Conversazioni!